Warning: Memcache::addserver() expects parameter 2 to be long, string given in /home/mifa1614/public_html/libraries/joomla/cache/storage/memcache.php on line 84
Liturgia Sett. 06 Giorno 37

Almanacco

Che tempo fa ?

Venerdì, 17 Agosto 2018 - If your browser doesn't automatically go there within a few seconds, you may want to go to Evangelizo Reader manually. If your browser doesn't automatically go there within a few seconds, you may want to go to Evangelizo Reader manually.
Home Tutte le Liturgie Liturgia Sett. 06 Giorno 37

Liturgia Sett. 06 Giorno 37

La forza incontenibile e indistruttibile dell'Amore percorre dunque l'universo e lo risveglia continuamente alla vita; nulla può ostacolarne la corsa, nulla può estinguerla: è fiamma divina..

Anna Maria Cànopi

Liturgia del Giorno

Sabato della IV settimana delle ferie del Tempo Ordinario
B. Pio IX, Papa (255°) dal 1846 à 1878 ,  B. Anna Maria Adorni, vedova, fondatrice (1805-1893)

Tutte le Liturgie


Prima Lettura

Lettera agli Ebrei 13,15-17.20-21.

Per mezzo di lui dunque offriamo continuamente un sacrificio di lode a Dio, cioè il frutto di labbra che confessano il suo nome. Non scordatevi della beneficenza e di far parte dei vostri beni agli altri, perché di tali sacrifici il Signore si compiace. Obbedite ai vostri capi e state loro sottomessi, perché essi vegliano su di voi, come chi ha da renderne conto; obbedite, perché facciano questo con gioia e non gemendo: ciò non sarebbe vantaggioso per voi. Il Dio della pace che ha fatto tornare dai morti il Pastore grande delle pecore, in virtù del sangue di un'alleanza eterna, il Signore nostro Gesù, vi renda perfetti in ogni bene, perché possiate compiere la sua volontà, operando in voi ciò che a lui è gradito per mezzo di Gesù Cristo, al quale sia gloria nei secoli dei secoli. Amen.

Salmi

Salmi 23(22),1-3a.3b-4.5.6.

Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla. Su pascoli erbosi mi fa riposare ad acque tranquille mi conduce. Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino, per amore del suo nome.Se dovessi camminare in una valle oscura, non temerei alcun male, perché tu sei con me. Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza. Davanti a me tu prepari una mensa sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo. Il mio calice trabocca. Felicità e grazia mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita, e abiterò nella casa del Signore per lunghissimi anni.

Seconda Lettura

Non prevista per la giornata odierna

Vangelo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 6,30-34.

Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e insegnato. Ed egli disse loro: «Venite in disparte, in un luogo solitario, e riposatevi un pò». Era infatti molta la folla che andava e veniva e non avevano più neanche il tempo di mangiare. Allora partirono sulla barca verso un luogo solitario, in disparte. Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città cominciarono ad accorrere là a piedi e li precedettero. Sbarcando, vide molta folla e si commosse per loro, perché erano come pecore senza pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.

Commento alle letture

« Si commosse per loro »    

    Gesù, il Verbo di Dio, era in Giudea. Saputa la notizia dellÂ’esecuzione del profeta Giovanni il Battista, partì su una barca - simbolo del suo corpo - « verso un luogo solitario, in disparte ». In quel luogo solitario, Gesù si trovava « in disparte » poiché la sua parola vi era isolata, e il suo insegnamento contrastava con i costumi e con le idee diffuse fra la gente. Allora le folle, saputo che colui che è la Parola di Dio era venuto ad abitare nel loro desertoÂ…, lo seguirono, lasciando le loro città, lasciando cioè ciascuno i costumi superstiziosi della propria patria e aderirono alla legge di CristoÂ… Gesù venne loro incontro; loro infatti erano incapaci di andargli incontro; mescolandosi a « quelli di fuori » (Mc 4,11), li condusse dentro.     È numerosa questa folla di fuori a cui lui va incontro. Spargendo su di essa la luce della sua presenza, la guarda e, vedendo quale genere di persone lo circondano, li trova ancor più degni di pietà. Lui che, in quanto Dio, è al di là della sofferenza, soffre a causa del suo amore per gli uomini; la commozione lo prende fino alle viscere. Non soltanto si commuove, ma anche li guarisce da ogni loro malattia, li libera dal male.    

Origene (circa 185-253), sacerdote e teologo     - Commento al vangelo secondo Matteo, 10, 23    

Tutte le Liturgie

Registrati e effettua il login al sito; in caso contrario non puoi rilasciare commenti.

Storico Articoli

Powered by mod LCA

Warning: mkdir() [function.mkdir]: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 60

Warning: file_put_contents(/home/mifa1614/public_html/cache/mod_lca/9735018e1fea20d52f5c7af32767fb3f.xml) [function.file-put-contents]: failed to open stream: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 61

Utenti On Line

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi126
mod_vvisit_counterIeri28
mod_vvisit_counterQuesta Settimana494
mod_vvisit_counterScorsa Settimna2256
mod_vvisit_counterQuesto Mese3169
mod_vvisit_counterScorso Mese7691
mod_vvisit_counterComplessivo4383038

Abbiamo: 70 ospiti online
IP: 54.198.195.11
 , 
Oggi: Ago 17, 2018

Che ore sono ?